Visual Residency Night: una serata d’arte alla Monash di Prato

Una serata per conoscere i lavori realizzati dall'artista in residenza lo scorso anno nell'università australiana e conoscere quella di quest'anno.

0
Condividi

Lunedì 11 Settembre alle ore 19.00 presso la Monash University di Prato si terrà Visual Residency Night, una serata dedicata all’arte visiva degli artisti australiani selezionati dalla Monash per il Visual Residency Program, il programma di residenza artistica istituito nel 2010 in collaborazione con la Facoltà di Art Design and Architecture di Melbourne.

Il programma ogni anno ospita per tre mesi a Prato artisti chiamati a sviluppare un progetto in collaborazione con la città e le sue istituzioni. Per il 2017 è stato selezionato Stuart Ringholt, artista che nel suo lavoro spazia dalla perfomance al video, dalla scultura a workshop collettivi ed è caratterizzato da un risoluto senso dell’arte come iniziativa sociale. Temi personali e sociali come la paura o il disagio sono spesso presentati attraverso situazioni surreali o gruppo di auto-aiuto, incluso tour di gallerie d’arte in cui i partecipanti sono nudi, workshop sulla rabbia e performance partecipative. Stuart Ringholt ha esposto sia a livello nazionale che internazionale, fin dal 2003. Alcune sue recenti mostre personali includono ArtCologne Stuart Ringholt: Nudes, Signs, and a Contract Osmos Gallery New York (2015); New Works Milani Gallery Brisbane (2015); Stuart Ringholt: Kraft, Monash University Museum of Art, Melbourne e l’Istituto di Arte Moderna di Brisbane (2014).

Durante la sua residenza al Monash Prato Centre, da settembre a Novembre 2017, Ringholt creerà una serie di nuovi lavori su carta ispirati ai tanti e famosi orologi installati nelle torri che si trovano in Toscana. Questi nuovi lavori seguono altre opere legate all’orologeria da lui create, tra cui Untitled (Clock) del 2014 adesso all’interno della collezione del Museum of Contemporary Art di Sydney.

La serata Visual Residency Night sarà dedicata anche all’artista selezionato per il programma nel 2016, Charlie Sofo, che durante la propria residenza ha dato vita a 40 Poems, un piccolo progetto redazionale in cui ha raccolto le impressioni derivanti dalla vita nella città di Prato.

A conclusione della serata ci sarà un piccolo rinfresco nel giardino di Palazzo Vai, un momento in cui sarà possibile conoscere da vicino Staurt Ringholt, gli studenti del corso di Fine Arts e Design che attualmente studiano al Moanash Prato Centre e i docenti Warren Taylor, Luke Morgan, Jaqueline Riva, Geoff Lowe e Selby Coxon. L’incontro si terrà in italiano e inglese