Il Comune di Prato adotta per la prima volta il Documento Unico di Programmazione (2014-2016) con il quale intende “governare” e indirizzare la macchina comunale e anche le sue partecipate (Asm etc), quelle società cioè che offrono dei servizi fondamentali ai cittadini. Prima di entrare nel dettaglio una premessa: l’obbiettivo è contenere i costi, è chiaro, e soprattutto (qui viene il difficile) contenerli mantenendo inalterati i servizi offerti dalle partecipate.

Però, carte e bilanci alla mano il Comune è convinto che una maggior razionalizzazione e un maggior controllo sulle attività delle partecipate si possa arrivare ad un risparmio consistente: 2,5 milioni l’anno.

La domanda: allora si poteva già fare prima? La risposta, più o meno esplicita, è sì, si poteva fare anche prima visto che “negli ultimi anni ci sono stati meno controlli, meno verifiche di quelli che faremo noi” ha detto Faggi.

  • Il Comune cercherà di contenere l’aumento automatico dello stipendio dei dipendenti delle partecipate. Che a confronto di quelli dei dipendenti pubblici (congelati) sono “superiori di circa 6 o 7mila euro” ha spiegato il vicesindaco. I dipendenti delle partecipate hanno contratti privati ma lavorano per aziende interamente o quasi interamente pubbliche. Il Comune in questo modo cerca di risparmiare il più possibile sul costo del personale e sulla spesa corrente.
  • In futuro, non vengono esclusi accorpamenti tra uffici per snellire la macchina burocratica.
  • Via auto blu e altri benefit per i dirigenti delle partecipate.
  • Sponsorizzazioni delle partecipate. Quelle superiori a 5mila euro dovranno essere approvate dal Comune. Cioè il Comune vuole controllare meglio come le partecipate spendono i loro soldi.
  • Non è prevista, almeno per il momento, la chiusura di alcuna partecipata del Comune. In prospettiva però, ha confermato Faggi, si potrebbe anche pensare ad “una logica fusione tra Asm Servizi e Consiag Servizi”. Stessa cosa, per esempio, potrebbe succedere per Centro di Scienze Naturali e Museo di Scienze Planetarie.
  • I dirigenti in carica termineranno il loro mandato.
  • Verranno studiate linee guida per ciascuna delle aziende partecipate del Comune.
  • “Noi ci aspettiamo che i vertici delle aziende partecipate recepiscano i nostri indirizzi e li facciano propri, volendo anche prima della loro approvazione in consiglio comunale il prossimo 18 settembre”. Cioè, nessuna perdita di tempo, grazie.
  • “I vertici delle partecipate del Comune sono competenti e si sono subito messi a disposizione – ha aggiunto Faggi – Se le nostre indicazioni verranno recepite tutto andrà per il meglio, in caso contrario il sindaco farà le proprie valutazioni per il bene della città”. Discorso legato alla possibilità di rimuovere i dirigenti delle partecipate che non sposino gli indirizzi. Volendo, insomma, ci si può dimettere.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.