Da ieri il “triangolo etnico” o “dello spaccio” in centro storico ha un nuovo nome. Si chiama “Condominio Lippi”, come l’associazione messa in piedi da decine di residenti e commercianti della zona e che per la prima volta hanno deciso di impegnarsi tutti insieme su un unico obiettivo comune: riqualificare “una delle porte d’accesso al centro storico, strapparla al degrado e ad una criminalità non più tollerabile”, dice il portavoce Enrico Davalli, che di professione fa il pediatra e vive e lavora proprio in via Magnolfi.

La futura associazione (verrà costituita ufficialmente a gennaio 2016) comprende residenti e commercianti delle strade che negli ultimi anni sono finite sui giornali e in televisione per i continui episodi legati allo spaccio, alla microcriminalità e al degrado urbano in generale. A due passi dal Duomo:  via Magnolfi, via San Giorgio, via Pier Cironi, Canto alle Tre Gore, via Santa Margherita e piazza Lippi.

condominio_lippi_2“Il nostro obiettivo è quello di mettere in piedi una serie di iniziative culturali e di aggregazione capaci di riattivare il tessuto sociale del quartiere – ha spiegato Davalli – per questo si chiama “Condominio“, perché prima di tutto l’associazione è un luogo di aggregazione e di confronto sui problemi che affliggono la zona dove abitiamo o lavoriamo e chi ne fa parte è convinto che possa essere strappata al degrado lavorando tutti insieme”.

L’altro riferimento, “Lippi“, punta dritto alla storia di Prato. La zona, il quartiere del “Condominio” è il fulcro dello spaccio cittadino ma una volta ha visto la presenza di due grandi protagonisti del Rinascimento come Filippo e Filippino Lippi. E questa storia e questa dimensione artistica e culturale la nuova associazione vuole recuperare e rilanciare. “Il nostro centro ideale sarà piazza Lippi – aggiunge Davalli – perché è l’ideale sbocco di tutte le strade coinvolte nel condominio e perché è un luogo storico che è diventato un luogo di dolore”.

“Condominio Lippi” è un epigono del civismo che ha trasformato per prima via Santa Trinita due anni fa, ma per dimensioni e ambizioni non ha precedenti. Non è stato facile. Per sei mesi, con appuntamenti più o meno regolari, i commercianti e i residenti della zona si sono incontrati, scontrati e confrontati sui problemi e sugli strumenti necessari per risolverli. Con l’accensione delle luci natalizie del Condominio,  la nuova associazione si presenta alla città con la speranza e la voglia di replicare quanto di buono altri cittadini hanno saputo fare in altre strade del centro storico, reagendo a situazioni fuori controllo con iniziative culturali e di intrattenimento.

“La situazione di degrado e criminalità non penalizza solo questa zona del centro storico ma da anni pesa sull’immagine di tutta la città – conclude Davalli – se riusciremo a riqualificare questo quartiere, e noi speriamo di farlo insieme alle istituzioni, saremo riusciti a riqualificare anche l’immagine di Prato”.

“Condominio Lippi” ha una fan page su Facebook.

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.