Daniela Frongia - Festival della Resilienza 2017

Si chiama “Agorà del Contemporaneo – Piazza Aperta”, il progetto curato da Stefania Rinaldi per CUT (Circuito Urbano Temporaneo) che “occuperà” gli spazi del Museo del Tessuto in via Puccetti 3 dal 12 al 14 ottobre.

Tre giorni di confronto e dibattito sulle nuove tendenze culturali, “indagando – si legge nella presentazione – le maglie dei linguaggi negli ultimi vent’anni di produzione artistica contemporanea”. A confrontarsi saranno i due tutor, l’artista sarda Daniela Frongia e il livornese Dario Gentili, e un gruppo selezionato di giovani artisti provenienti dalle Accademie di Belle Arti di tutta Italia: Giuseppe Renda (Calabria), Flavia Bucci (Abruzzo), Carmina Melania tramite (Campania), Alena Tonelli (Emilia Romagna).

Nei tre giorni saranno attivi workshop tematici (dalle 15 alle 19) tenuti dai due tutor aperti alla partecipazione di un numero limitato di uditori.

 

Call per uditori

Gli uditori (max 10 partecipanti per ogni sessione) potranno assistere ai dibattiti tra gli artisti durante i pomeriggi e interagire con i tavoli di discussione con domande ed osservazioni durante l’ ultima parte della giornata.

Gli workshop avranno un carattere esperienziale e vedranno il coinvolgimento di due artisti tutor in confronto con un gruppo di giovani artisti provenienti dalle Accademie di Belle Arti. I tre giorni di workshop prevedono il coinvolgimento attivo di gruppi di giovani provenienti dai licei del territorio. La partecipazione è gratuita.

C’è tempo per iscriversi agli workshop fino al 6 ottobre inviando una mail e una breve lettera motivazionale a [email protected] Per informazioni chiamare 3293233936.

All’interno della sede dei workshop sarà presentata una mostra aperta al pubblico che inaugurerà il 10 ottobre.

Le prime due giornate di workshop saranno strutturate con una sessione di lavoro chiusa al pubblico dalle 10 alle 13 e aperte agli uditori selezionati dalle 15 alle 19. Durante la terza giornata è prevista la partecipazione di ragazzi provenienti dai licei, con la libera fruizione dello spazio dalle ore 10 alle ore 19.

 Gli artisti tutor

Daniela Frongia è nata a San Gavino Monreale (Medio Campidano) nel 1981. Di sé dice “Il mio percorso d’artista si configura come un atto sperimentativo ed in continua evoluzione: dialogo con me stessa e con il mondo che mi circonda attraverso le performance, indago il presente e la cultura odierna con la fotografia e i video, mi esprimo attraverso la pittura, le installazioni e la tessitura”.

Dario Gentili è nato a Livorno nel 1985 e pensa che “ognuno abbia una sua personale verità, ma talvolta si vergogni nell’affermarla. Posso dire che il motivo per il quale do vita e forma alle mie opere, è dettato dalla necessità di scandire il tempo e distruggere la parola scritta. Serve a stabilire l’essere qui e il non essere più qui. Ogni tratto che va a formarsi o incidersi sulla carta, dando visibilità all’opera, ha la stessa importanza di quel che non si vede. A ricordare che tutto parte dalla pagina bianca. Quel vuoto assoluto su cui va a posarsi lo sguardo e da cui poi scaturisce l’immagine. Definisco ciò che faccio più come opera letteraria piuttosto che lavoro grafico o pittorico”.

“L’Agorà del Contemporaneo” fa parte di PuntoCon, il festival degli spazi d’arte a Prato.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.