Si tiene a Prato dal 20 al 23 maggio 2018 la sesta edizione del PFF – Prato Film Festival, con un ricco programma che si snoda tra il teatro del Convitto Cicognini, il cinema Eden e la biblioteca Lazzerini.

Il festival è ideato e organizzato da Romeo Conte, realizzato in collaborazione con il Comune di Prato – Assessorato alla Cultura e Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Prato, Confcommercio Pistoia e Prato, Lions Club Prato Datini, Convitto Nazionale Statale Cicognini e con il patrocinio della Provincia di Prato.

Leggi il programma completo

Il tributo a Malaparte e D’Annunzio

Evento di apertura del festival, il 20 maggio, l’omaggio allo scrittore e giornalista pratese Curzio Malaparte in occasione dei 120 anni dalla sua nascita, con la proiezione, in versione restaurata, del film “La Pelle” di Liliana Cavani. Per tale occasione prima della proiezione l’attore Maurizio Donadoni interpreterà alcuni passaggi del libro di Malaparte, “Maledetti toscani” e l’attore Gabriele Tozzi interpreterà “La morte del cervo” in omaggio a Gabriele D’Annunzio. Cuore centrale del festival, il concorso di cortometraggi con le sue sezioni tematiche: Mondo Corto, Diritti Umani e Corto Italia.

Le proiezioni per le scuole

Un festival che si apre alle scuole ospitando gli studenti del Convitto Nazionale Cicognini e del Liceo musicale Cicognini Rodari di Prato, con i matinée e le proiezioni di lungometraggi fuori concorso quali Il più grande sogno, di Michele Vannucci con Mirko Frezza, Alessandro Borghi, Ivana Lotito e Milena Mancini e Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni con Giuliano Montaldo, Andrea Carpenzano e Donatella Finocchiaro. Proiezione serale per il lungometraggio Veleno di Diego Olivares con Massimiliano Gallo, Luisa Ranieri, Salvatore Esposito e Nando Paone. Presentato alla Settimana Internazionale della Critica della Mostra del Cinema di Venezia 2017, il film racconta la storia vera del dramma dei rifiuti tossici nella Terra dei Fuochi nel casertano.

La mostra dedicata al “Postino” di Troisi

In occasione della giornata finale del festival, mercoledì 23 maggio, presso la Saletta Campolmi inaugurazione della mostra “Il postino, La metafora della poesia”. Saranno esposti – fino al 4 giugno – i bozzetti e gli schizzi con cui venivano immaginate le scene ed i costumi dei due curatori della mostra, lo scenografo Lorenzo Baraldi e la costumista Gianna Gissi, oltre alla bicicletta del Postino concessa dai Fratelli Conti, e la borsa utilizzata da Troisi durante le riprese anch’essa concessa da Rancati. Esposte anche le foto da set del film realizzate da Angelo Frontoni e tratte dalla collezione digitale “Angelo Frontoni, il fotografo delle dive” del portale internetculturale.it del Mibact. L’intero Archivio di Angelo Frontoni è conservato presso la Fototeca del Museo Nazionale del Cinema di Torino e presso il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale di Roma. Durante l’apertura l’orchestra del Liceo musicale Cicognini Rodari eseguirà alcuni brani della colonna sonora del film Il Postino, di Louis Bacalov, vincitore del Premio Oscar di questo film. Durante la serata finale verrà proiettato proprio il film Il Postino diretto da Michael Radford e Massimo Troisi e interpretato dallo stesso Troisi con Maria Grazia Cucinotta, Philippe Noiret, Renato Scarpa e Anna Bonaiuto.

Gli ospiti presenti al Festival

Durante le giornate, tra talk e presentazioni di film, ecco gli ospiti annunciati: Mirko Frezza, Matteo Branciamore, Michele Vannucci, Erika Blanc, Francesco Bruni, Gianna Gissi, Lorenzo Baraldi, Maurizio Donadoni, Luisa Ranieri, Gabriele Tozzi, Massimiliano Gallo, Diego Olivares, Miriam Candurro, Renato Scarpa, Carmen Di Pietro, Isabella De Bernardi.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.