Anche quest’anno sono previste quattro giornate di iniziative per ricordare, discutere, ma soprattutto festeggiare la liberazione di Prato dal nazifascismo. Il 6 settembre 2018 è, infatti, 74° anniversario della Liberazione di Prato dall’occupazione che rappresenta l’evento più drammatico della storia moderna del nostro Paese. 

Lunedì 3 settembre l’Anpi di Prato organizza alle ore 18 presso la sala ovale del Palazzo Buonamici inaugura la mostra fotografica “Bella Ciao ieri e oggi – la lotta delle donne per la libertà e i diritti”, con un particolare omaggio alla figura di Liliana Rossi (la mostra sarà visitabile fino al prossimo 9 settembre).

Martedì 4 è prevista alle ore 21 in piazza 29 martiri a Figline la proiezione del documentario “Paesaggi della memoria. Resistenze e luoghi dell’antifascismo e della liberazione in Italia” di Paolo Pezzino. La serata, organizzata dal museo della deportazione e resistenza di Prato, vedrà l’intervento dell’autore del film, l’assessore alla cultura Simone Mangani e la presidente della fondazione del museo Aurora Castellani.

Il programma prosegue mercoledì 5 con la presentazione del libro “Né fascista né soldato – Fiorello Fabbri un partigiano per la libertà”, al Palazzo Buonamici alle ore 21. Oltre all’autrice del libro e allo stesso Fiorello Fabbri, interverranno Matteo Biffoni, sindaco di Prato, la professoressa Adiana Dadà dell’università di Firenze e la presidente di Anpi provinciale di Prato Angela Riviello.

Infine, giovedì 6 settembre, giorno in cui si festeggia della Liberazione di Prato, ci sarà la tradizionale marcia per la Pace a Figline alle ore 21, con partenza in via 7 marzo. All’arrivo in Piazza Partigiani a Figline saranno previsti gli interventi del sindaco Matteo Biffoni e di Angela Riviello di Anpi.

Le iniziative “Aspettando il 6 settembre” sono organizzate da Comune di Prato, Fondazione museo della deportazione e resistenza di Prato, Provincia di Prato, Anpi e ANED.