Giovedì 30 giugno apre Botanica, pop up estivo dedicato al mondo dei cocktail e del cibo messicano, nascosto in un giardino del centro storico, in via Verdi n° 30, nella corte che già aveva ospitato prima il Caffè del Teatro e poi Schiaccino.

Pop up estivo dedicato al mondo dei cocktail e del cibo messicano, sarà aperto per tutto il mese di luglio, dal giovedì al sabato, dalle 19 alle 1. 

Tra le piante del giardino si potranno assaggiare cocktail inediti e street food messicano. Sarà un locale aperto tutta la sera, senza distinzioni tra aperitivo, cena e dopo cena. L’intrattenimento musicale sarà affidato ad artisti che si alterneranno tra musica dal vivo e dj set.  

Ideatori della carta dei cocktail sono Daniel Boccia e Francesco Gestri, ricercatori e bartender. Per farlo, si sono ispirati al mondo delle botaniche e delle spezie. Tra gli ingredienti ci saranno molti prodotti dell’Opificio Nunquam, il liquorificio artigianale di Tavola. Tutte le preparazioni saranno fatte artigianalmente, da Daniel e Francesco, compreso il ghiaccio, tagliato a mano. 

Il cibo è invece pensato e prodotto dal team di Schiaccino, che già aveva acquistato esperienza con la cucina messicana con le Taco Night, l’evento di Schiaccino dedicato ai tacos. Tornano infatti le tortillas della Morenita, prodotte artigianalmente in Italia da una famiglia messicana, trapiantata in Umbria. Ci saranno ovviamente i tacos, ma anche tante altre particolarità che si possono trovare nelle strade di Città del Messico, come guacamole, tortillas, sikil p’ak, nopale, tortas (i burger messicani).   

“Botanica – si legge nella presentazione – è un posto del mistero, dove ricaricare la propria energia attingendo al mondo della natura e della socialità. È un giardino nascosto in una corte del centro storico di Prato. I cocktail, ispirati al mondo delle erbe aromatiche e delle spezie, sono la nostra pozione per curare lo spirito. Il cibo, nutrimento del corpo, è quello delle strade di Città del Messico” 

Articolo PrecedenteIl ritratto di Carlo Palli realizzato da Pietro Costa al Pretorio
Prossimo ArticoloLe “Notti dell’archeologia” tornano a Vaiano