Una serata dedicata al cinema contro le mafie alla pista rossa di Seano, sabato 21 luglio,con Libero Cinema in Libera Terra, a ingresso libero dalle 21.

Il 19 luglio 1992 la mafia faceva saltare in aria il giudice Borsellino e la sua scorta, e la notizia che sulla sua morte sia stato attuato uno dei più grandi depistaggi della storia recente è di poco tempo fa. A Seano arriva Libero Cinema in Libera Terra, il festival di cinema itinerante contro le mafie che porta ovunque arrivi la storia di chi contro le mafie ha combattuto e, spesso, ci ha rimesso la vita.

Ore 21,15
L’opening act è affidato a Mafia liquida, una performance fra fumetto, teatro e lavagna luminosa, cui seguirà (21,45) la proiezione del film Prima che la notte, la storia del giornalista Pippo Fava che, dopo una lunga assenza, torna a Catania per aprire un giornale. Dopo aver lavorato in giro per la penisola, Giuseppe Fava torna in Sicilia per fare il suo mestiere di giornalista, e lì quasi tutti gli mettono i bastoni fra le ruote: dopo essere stato licenziato fonda Radar, una cooperativa con cui raccogliere i fondi per poter aprire il suo giornale, un giornale antimafia per davvero. Il giornale si chiama I Siciliani, ed è stato il secondo giornale contro la mafia dell’isola: Pippo Fava è stato ucciso nel 1984 dal clan dei Santapaola.

Tv movie scritto da Claudio Fava, Michele Gambino, Monica Zapelli, Daniele Vicari. Tratto dall’omonima opera letteraria di C. Fava e M. Gambino (Baldini & Castoldi). Regia di Daniele Vicari.

Promotori: Cinemovel Foundation e Libera
Partner Istituzionale: Fondazione Unipolis
Main Partner: BNL Gruppo BNP Paribas
Solidal Partner: Coop Alleanza 3.0
Local Partner: Comune di Carmignano, Comune di Poggio Caiano

Immagine tratta da www.telejato.it